giovedì 2 novembre 2017

Guest post: Claudia Adamo ci parla dei primi approcci alla lettura in inglese

Voglio impegnarmi per una vera e propria campagna sull’utilità di fare leggere i bambini, i ragazzi e gli adulti in inglese.

Io mi occupo di corsi di inglese e una delle cose che riscontriamo è che molto raramente bambini, ragazzi e adulti leggono per piacere in inglese: capita che gli adulti leggano per lavoro (reportistica, manuali…), che gli adolescenti leggano per la scuola (letteratura e testi di scolastica), ma è veramente raro trovare lettori in inglese “per piacere” e ancora più raro trovare lettori precoci.

Tutta la nostra società è orientata verso il bilinguismo, quindi la richiesta di leggere in inglese sarà necessariamente una delle più ovvie che sarà rivolta ai nostri figli. Io credo che iniziare presto a guardare alla letteratura in inglese come fonte di piacere (nonostante la barriera linguistica) possa essere uno straordinario grimaldello per vedere la lingua non solo come un compito obbligato, ma come uno strumento comunicativo normale.

Quindi con questo articolo volevo suggerire libri che a mio avviso possono sin dall’età tenera fare scoprire ai bambini il piacere di leggere in inglese e approcciare i libri in inglese in modo normale , senza essere costretti dalla scuola o dal lavoro.


LETTURE PRECOCI
Iniziare presto è importante perché si va a formare senza fatica un vocabolario di base che potrà essere poi generalizzato ed usato in altri contesti, e soprattutto per render da subito il libro in inglese un oggetto normale in casa.

Questa normalità va di pari passo con la precocità. Non si può attendere che il bambino abbia 6 anni per fargli veder un libro per la prima volta, giusto? La stessa cosa vale per il libro in inglese: l’inglese è un veicolo di storie e cultura, come lingua, e non un mero strumento per lavorare…introducendo precocemente a casa libri e giochi in inglese diamo ai bambini esattamente questa informazione, che si può divertirsi naturalmente con essi.
Ecco alcuni suggerimenti concreti:

  • La Ladybird ha una linea di libri tattili che si chiama BABY TOUCH, che include libretti cartonati tattili estremamente colorati ed efficaci , con disegni creati con textures diverse, per insegnare ai bambini nuove parole. Sono linee organizzate su unità di lessico.
  • THAT’S NOT MY….questa è una delle linee tattili della Usborne, con le copertine morbide e le illustrazioni polimateriche. Anche queste sono linee organizzate su unità di lessico.



IMPARARE LA PRONUNCIA
E’ molto importante a mio avviso insegnare precocemente ai bambini che l’inglese e l’italiano sono due lingue diverse, che rispondono a regole diverse. Una delle cose che più profondamente distinguono inglese e italiano è la fonologia: l’inglese ha quasi il doppio dei suoni fonetici rispetto all’italiano. Inoltre ci sono fonemi che noi non percepiamo facilmente, perché nella nostra lingua sono identificati con una unica lettera/suono distintivo, mentre in inglese hanno un valore a se stante.

Come focalizzare la ampia gamma dei suoni inglesi? Sicuramente esiste uno strumento affidabile, ovvero i SYNTHETIC PHONICS, ovvero i 44 fonemi della lingua inglese. Sui PHONICS sono stati organizzati tantissimi materiali, ma visto che stiamo parlando di libri qui voglio segnalarvi dei libri che raccontano delle storie e contemporaneamente permettono ai bambini di identificare diversi fonemi e grafemi.



PHONICS READERS è la linea della Usborne che io preferisco: in questi libretti colorati ed allegri il bambino può leggere una storia semplice e vedere delle belle figure, ma contemporaneamente gli vengono presentate le famiglie di parole, ovvero le parole che condividono le stesse regole di pronuncia. Leggere questi libretti permette di identificare quasi senza fatica  i fonemi e raggruppare le parole simili tra loro.

ALLARGARE IL VOCABOLARIO
Per ampliare il vocabolario io vorrei raccomandare una linea della LadyBird, che si chiama K-WORDS READING SCHEME. Si tratta di una serie di 36 libretti, da un livello di principiante assoluto ad un livello A2-B1, costruiti attorno alle parole ad alta frequenza.

Le parole ad alta frequenza sono le parole che usiamo molto spesso parlando o scrivendo: sono pronomi, congiunzioni, articoli…ma anche ovviamente i nomi e i verbi del lessico di base.



Queste storie sono costruite con frasi che vengono costruite con poche parole che tornano costantemente e vengono così riconosciute “a vista”, in modo globale. Leggendo questi libretti, i bambini hanno la soddisfazione di capire facilmente e si costruiscono una competenze globale su 12 parole frequenti per ogni libretto. E’ un training molto utile per costruire delle competenze per una lettura successiva meno strutturata.

AUDIO-BOOKS
Una cosa che consiglio con tutto il cuore è scegliere per le prime lettura degli audiobook con il CD integrale. Se i bambini hanno la possibilità di ascoltare mentre leggono, si attiveranno dei meccanismi facilitanti che sicuramente li agevoleranno. La Macmillan, la Eli, la ladybird e anche altre case hanno molti audiobook, ciò che è importante è scegliere il livello giusto.
Fino ai 9 anni cercate i livelli principianti. Di solito dai 9-10 anni si può iniziare con il livello A1.

Questa è la scala dei livelli
A1
A2
B1
B2
C1
C2
Dove per c2 si intende un parlante madrelingua.

Claudia Adamo

Nessun commento:

Posta un commento