lunedì 14 settembre 2015

"Sono arrivato in ritardo perché..." e "Non ho fatto i compiti perché..." di Davide Calì



Oggi il Gremlins ha iniziato il primo giorno di scuola, era davvero entusiasta e felice di entrare in prima elementare e pensare che solo fino ad un paio di mesi fa di andare a scuola non ne aveva nessuna voglia.

Oltre a letture di vari generi, in questi mesi ogni tanto leggevamo qualcosa che riguardasse la scuola. Abbiamo iniziato da S.O.S. supplente in arrivo! , abbiamo continuato con La maestra è un capitano per parlare di maestre ma poi sono arrivate le fatidiche domande del nano: Se arrivo in ritardo? Se non riesco a finire tutti i compiti?

-Ma certo che riuscirai a finire tutti i compiti, vedrai! In ritardo non ci arriverai, stai tranquillo" ma ci voleva qualcosa di divertente, per sdrammatizzare un po' le sue preoccupazioni perciò eccoci a leggere "Non ho fatto i compiti perché..." e "Sono arrivato in ritardo perché.." entrambi scritti da Davide Calì, illustrati da Benjamin Chaud e pubblicati da Rizzoli.


In "Sono arrivato in ritardo perché..." il bambino protagonista del libro cerca di spiegare alla maestra il motivo del suo ritardo con delle scuse esilaranti, inventando un viaggio verso la scuola davvero divertente. Mentre sta andando a scuola viene attaccato da una gang di ninja malvagi e poi da una banda di terribili majorette.



Oppure un elefante lo ha accalappiato con la proboscide, stava arrivando puntuale perché erano nella direzione della scuola ma ad un certo punto gli elefanti hanno avuto problemi con un topo.




Mentre racconta tutto ciò alla maestra, quest'ultima ogni tanto lo interrompe chiedendo se allora era quello il motivo del ritardo ma no, il bambino narra una lunga, lunghissima storia fatta di imprevisti, di avventure, di luoghi fantastici. Alla fine la maestra non crede nemmeno ad una parola, ma forse qualcosa di vero nel racconto del bambino c'è!



In "non ho fatto i compiti perché..." troviamo gli stessi protagonisti, bambino e maestra! Questa volta il problema sono i compiti. Alla domanda "Allora, perché non hai fatto i compiti?" il bambino inizia a raccontare di elfi che gli hanno nascosto le matite




di un branco di lucertole giganti che hanno invaso il suo quartiere 



di aver finito la legna per il fuoco e perciò di aver dovuto bruciare i suoi quaderni per riscaldarsi.




Le scuse sono tante e tutte divertenti, anche in questo caso la maestra non gli crede ma gli spiegherà perché! Il motivo per cui non crede al suo alunno? Beh non vi resta che leggere il libro!


Due libri simpatici, divertenti, con cui i bambini risolvono le loro piccole, grandi preoccupazioni ridendoci sopra, perché si sa ridere è sempre un ottimo antidoto contro ogni timore!

"Sono arrivato in ritardo perché..." e "Non ho fatto i compiti perché..." li potete trovare in tutte le migliori librerie oppure cliccando sui link Sono arrivato in ritardo perché...Non ho fatto i compiti perché...


Buona scuola e buona lettura a tutti! 







Nessun commento:

Posta un commento