sabato 28 marzo 2015

#librinoncensurabili "Il Pianeta dei Calzini Spaiati" scritto da La Pina e illustrato da Irene Frigo





A casa mia, spesso, accadono cose inspiegabili: il libro che cerco e che mi serve proprio in quel momento sparisce, svuoto completamente casa e non c'è...sparito! Salvo poi ritornarsene fuori bello e beato quando ormai ho perso ogni speranza di ritrovarlo. Così succede con tantissime altre cose ma il mistero più interessante e che finora nessuno era riuscito a spiegarmi era quello della "lavatrice mangia-calzini".

Eh sì! Non so a casa vostra ma a casa mia la lavatrice i calzini se li mangia, ne metti dentro otto e ne tiri fuori sette, cerchi ovunque, metti la mano nella lavatrice ma niente manca davvero un calzino! 

Pieghi i panni, accoppi i calzini ma c'è sempre quel calzino che rimane da solo! "Salterà fuori" penso, salvo poi accorgermi alla lavatrice successiva che n'è sparito un altro. Nulla! Non c'è nulla da fare! I calzini a casa mia spariscono alla velocità della luce, tanto che mio figlio ha imparato ad andare in giro per casa con le antiscivolo spaiate e si diverte un sacco. 



Un giorno, per caso, vedo un libro che si intitola "Il Pianeta dei Calzini Spaiati", lo sfoglio un minuto ed è già mio.

Sì perché questo è l'unico libro al mondo che può svelare il mistero della "lavatrice mangia-calzini". 

Le istruzioni sono chiare: carico il cestello, metto detersivo e ammorbidente, punto il timer, schiaccio start! Fatto! 



La lavatrice finisce il suo ciclo di lavaggio, tiro fuori tutto e zac! Ecco che un altro calzino è sparito! Ohibò! Ma dove accidenti finiranno questi calzini? Eppure sono certa di aver fatto tutto correttamente!

Controllo sul libro, leggo bene e...sì! Anche alla Pina è sparito un calzino, lei ne aveva messi 14 e ora se ne ritrova 13 ma ecco che leggendo mi svela il mistero: esiste "Il Pianeta dei Calzini Spaiati".



Metto le mani nella lavatrice e non trovo alcun buco, perciò continuo a leggere, sempre più incuriosita: da dove mai potranno scappare i calzini?



Da una botola segreta! Ma certo, quando si stancano di questo nostro mondo pieno zeppo di costrizioni decidono di andarsene in un mondo più libero, pieno di amore e bellissimo!

Quando il vostro calzino arriva nel Pianeta dei Calzini Spaiati trova l'amore ed ecco che il filo di Scozia di mio marito, smarrito tempo fa, me lo ritrovo abbracciato ad un tubolare di spugna che non conosco. 


Eh sì bisogna dire che questi calzini hanno davvero capito tutto, perché sul loro pianeta, a differenza del nostro, ci si può innamorare di chiunque indipendentemente da razza, sesso o religione e si formano famiglie perché in quel pianeta esistono due parole che hanno ancora un valore: Amore e Libertà!  

Nel nostro pianeta appaiato invece questo pomeriggio in Piazza Oberdan a Milano qualcuno voleva censurare questo bellissimo libro, ironico, divertente, che tratta l'Amore con la A maiuscola e che ha rispetto per ogni essere vivente perché la diversità amici miei esiste solo nelle teste di alcuni che preferirebbero uniformarci tutti.

Un libro davvero consigliatissimo per tutte quelle persone, uomini  e donne che, come me, vivono quotidianamente il mistero della "lavatrice mangia-calzini", per tutte quelle persone che si vogliono fare due risate con i loro bambini, per tutte quelle persone che credono ancora nell'Amore e nella Libertà, quelli veri ma anche per tutte quelle persone che lo definiscono pro "gender" e che avrebbero bisogno di prendere la vita con più leggerezza senza tante paranoie a discapito della libertà altrui.

Insomma un libro davvero per tutti, bambini e adulti!

Inoltre con l'acquisto di questo libro sosterrete SOS Villaggi dei Bambini , un'associazione impegnata a sostegno dei bambini privi di cure familiari o a rischio di perderle, perciò non esitate a comprarlo e regalarlo.


Se siete interessati all'acquisto online di "Il Pianeta dei Calzini Spaiati" scritto da La Pina, illustrato da Irene Frigo e pubblicato da Add Editore cliccate sul link Il pianeta dei calzini spaiati


Buona lettura a tutti!




Nessun commento:

Posta un commento