martedì 31 marzo 2015

I vostri bambini hanno "La pantera sotto il letto"? Un albo meraviglioso di Andrea Bajani, illustrato da Mara Cerri





Appena prendi in mano questo bellissimo albo illustrato ti senti rapita, le illustrazioni di Mara Cerri in realtà ti catapultano già nel libro al primo sguardo. Poi lo leggi e con la fantastica storia di Andrea Bajani chiudi il cerchio: è un albo illustrato che non può mancare in nessuna libreria per bambini.

Quale bambino non ha paura del buio? Quale adulto d'oggi non ricorda la paura del buio? Anche solo una lucina ma il buio più totale no! Questo albo parla proprio di questo: del buio.

Un venerdì una bambina e il suo papà arrivano in una casa in montagna, in mezzo alla natura ma poi arriva il buio e la bambina ha paura che la notte prenda non solo la casa ma anche lei.

Di notte non vuole uscire dalla sua stanza, nemmeno per andare a fare pipì così mette una padella sotto il letto e se di notte le scapperà la pipì è nella padella che la farà.




Nella stanza ci sono due letti, la mano del padre, una mano rassicurante, la accompagna dentro e ognuno si sdraia nel proprio letto che diventano due astronavi con cui viaggiare in mezzo al cielo. 




Mentre la bambina pensa alla notte ecco che le scappa la pipì, scende dal letto, si abbassa per fare pipì nella padella ed ecco che la sua paura prende forma, diventa una pantera nera che la bambina guarda negli occhi. 





La pantera, la paura, le gira intorno e in quel momento il papà si alza per andare in bagno, vorrebbe uscire dalla stanza ma la figlia non vuole perché sa che se il padre aprisse la porta cadrebbe giù, non c'è nulla fuori da quella stanza. 

Ad un tratto vede le spalle del padre irrigidirsi per la paura, si è accorto che fuori da quella stanza c'è il nulla "perché i grandi conoscono le cose, sanno accendere e spegnere le lampadine ma dentro il buio non ci sanno andare"



La pantera gioca con la bambina, la porta dove vuole perché i bambini nel buio ci sanno andare poi il sonno arriva e papà e bambina cadono addormentati.






Quando ho finito di leggere questo albo a mio figlio, mi sono rivista bambina, dove il buio mi faceva paura, in cui ogni ombra diventata qualcosa di diverso, a volte mostri, altre cose meno inquietanti ma ogni cosa, al buio, diventa qualcos'altro. 

Ora da adulta, proprio come questo papà, se mi devo alzare accendo la luce, è un gesto istintivo, naturale, ma saprei entrare ancora in quel buio proprio come quando ero bambina? Saprei far prendere un aspetto diverso a ciò che mi circonda o forse dovrei tornare un po' bambina per riuscire a farlo? 

Mio figlio ci entra in quel buio, con timore, ma guarda in faccia la sua paura, chissà che aspetto prende la sua di notte, quando si trova al buio. A volte sono certa siano mostri, perché arriva spaventato, altre volte forse, anche lui come la bambina del libro, ci gioca, si fa portare in giro nel buio, perché sento i suoi piedini scalzi arrivare tranquilli. 

Tra noi e i bambini c'è una differenza enorme, forse crescendo perdiamo quella parte di noi che ci faceva avere paura, ma anche trovare il coraggio, che ci faceva vedere una pantera nera sotto il letto, che ci sapeva far trasformare ogni cosa,  a volte vorrei poter ritornare quella bambina per poter giocare anch'io con la mia paura e guardarla ancora negli occhi, proprio come sta facendo ora mio figlio!

Un libro davvero meraviglioso, da non perdere: per bambini che hanno paura del buio e che vogliono imparare a guardarlo in faccia, per quei bambini che con il buio ci giocano già e per adulti, per tornare un po' bambini e ritornare a giocare nel buio!

Se siete interessati a questo albo potete acquistarlo dall'editore Orecchio Acerbo o seguendo questo link La pantera sotto il letto

Buona lettura a tutti!



Nessun commento:

Posta un commento